TU SI ‘NA COSA GRANDE

https://youtu.be/eY-JGmtgXmw

Tromba in sib Giuseppe Magliano

 https://youtu.be/blny7pAFjns

Domenico Modugno- Tu Si ‘Na Cosa Grande 1964

TU  SI ‘NA COSA GRANDE (gigi finizio)

Caricato il 10 set 2009 (due mesi prima la dipartita di ISABELLA)

 

TESTO

Tu si ‘na cosa grande pe’ me
‘na cosa ca’ mma fa’ nammura’
‘na cosa ca’ si tu guard’ a’ mme
me ne moro accussi’
guardann’ a te
Vurria sap’e’ ‘na cosa da te
pecch’e’ quann’o me guardi accussi’
si pure tu te sient’muri’
nun’m dice e nun m’o fai capi’
ma pecche’
E dillo’ ‘na vota sola
si pure tu stai tremann’
dillo c’a me voi bene
comm’ io, comm’ io, comm’ io,
vojo bene a te
Tu si ‘na cosa grande pe’ me
‘na cosa ca tu stess nun saje
‘na cosa ca’ nun agg’ ia avuto maje
nu bene accussi’
accussi’ grande
E dillo’ ‘na vota sola
si pure tu stai tremann’
dillo c’a me voi bene
comm’ io, comm’ io, comm’ io,
voglio bene a te
Tu si ‘na cosa grande pe’ me
‘na cosa ca tu stess nun saje
‘na cosa ca’ nun agg’ ia avuto maje
nu bene accussi’
accussi’ grande
accussi’ grande
accussi’ grande

 

 
LA CORUÑA – ESPAÑA 
ISABELLA con Botero
ISABELLA con Botero (2009)

QUESTA VOLTA LO SPOSO, AFFRANTO, TACE ED ASCOLTA IN SILENZIO QUESTO STRUGGENTE CANTO D’AMORE, DEDICATO DA UN AMANTE DISPERATO  ALLA SUA DONNA SCOMPARSA.

I SUOI RICORDI, NELLO STESSO TEMPO  DOLCI E LACERANTI, LO IMPRIGIONANO IN UN LIMBO DI DOLORE DA CUI, CON LA FORZA DELL’AMORE,  CERCA  DI EVADERE.

COLUI CHE HA REALIZZATO IL VIDEO DI GIGI FINIZIO, CHE ACCOMPAGNA QUESTO CANTO COSI’ TOCCANTE, HA SAPUTO COGLIERE IL VALORE DEI  RICORDI CHE, SEPPUR DOLOROSI, RIMANGONO I  FEDELI CUSTODI DI OGNI GRANDE AMORE.

MENTRE SCORREVANO LE IMMAGINI LEGGEVO IL TESTO  CON PROFONDA COMMOZIONE E QUELLE PAROLE LE SENTIVO MIE. 

 

“ I RICORDI TORNANO SEMPRE PER INVADERTI L’ANIMA, PER FERIRTI, PER STREGARTI IL CUORE, PER UCCIDERTI. QUANTI DOLORI PROVOCANO … MA NON RIMUOVERLI, PERCHE FANNO PARTE DI TE, DELLA TUA VITA, PRONTI A RICORDARTI QUEGLI ATTIMI INTENSI PASSATI CON QUALCUNO CHE ORMAI NON FA PIU’ PARTE DI TE “ 
ANONIMO  (composta nel giugno 2009, cinque mesi prima la dipartita di ISABELLA)

 

ISABELLA, AMORE MIO, TU SEI STATA, SEI, E SARAI SEMPRE DENTRO DI ME, IN UN CONNUBIO SENZA TEMPO !

NICOLO’

in Roma, sabato 24 settembre 2011 alle ore 05.00

CHE BELLO STA’ CO’ TE

CRIPTA DI SANTA CECILIA IN TRASTEVERE (ROMA)

IL MATRIMONIO   15 di agosto del 1970

ISA e NICHI 15 agosto 1970

                                                                                       ISABELLA E NICOLO’

CHE BELLO STA’ CO’ TE – Nino Manfredi (VIDEO)

CLICCARE SULLA RIGA SUPERIORE PER APRIRE IL VIDEO

 

CHE BELLO STA’ CO’ TE – Nino Manfredi

Che bello sta’ co’ te,

me sembra de vola’,

che bello quanno attero

e tu sei qua.

Sta vita nun c’è più

er monno è un po’ più in là,

se senti un botto nun te preoccupa':

So’ io

che ho preso in pieno in faccia er celo,

so’ io

che so’ caduto da un pensiero,

so’ io

che ‘n ce speravo quasi più

e un giorno all’improvviso…

…Che bello sta’ co’ te,

me sembra de sogna’,

me pare bella pure ‘sta realtà.

C’ho voglia de scherza’, de ride e de penza’,

e poi domani forse chi lo sa.

Nun dimo niente ‘n famose senti’,

che oggi so’ felice nun se po’ di’.

Cammina sulle punte, amore mio,

che oggi er celo è nostro,

me l’ha prestato Dio.

Lo vedi, se ne va,

‘sto giorno se ne va,

è n’artra vorta sera, che vuoi fa.

Io so’ rimasto solo co’ ‘n pensiero,

m’ha preso proprio in pieno e in faccia er cielo.

Eppure se non stai più qui con me

stanotte me te ‘nzogno,

che bello sta’ co’ te!

in Roma, martedì 13 settembre 2011 alle ore 04.45

 

VORREI CHE FOSSE AMORE

VORREI CHE FOSSE AMORE (autore ed interprete MINA)

TESTO
Vorrei che fosse Amore
Amore quello vero
la cosa che io sento
e che mi fa pensare a te.
Vorrei poterti dire
che t’amo da morire
perché é soltanto questo
che desideri da me.
Se c’é una cosa al mondo
che non ho avuto mai
é tutto questo bene che mi dai.
Vorrei che fosse Amore
ma proprio Amore, Amore
la cosa che io sento per te.
Vorrei che fosse Amore
Amore quello vero
la cosa che tu senti e
che ti fa pensare a me.
Vorrei sentirti dire
che m’ami da morire
perché é soltanto questo
che io desidero da te.
Se c’é una cosa al mondo
che non ho avuto mai
é tutto questo bene che mi dai.
Vorrei che fosse Amore
ma proprio Amore Amore
la cosa che io sento per te.

 Vedi: AMORE AMORE AMORE su Epistolario/Poesie d’Amore

BOCCA DI ROSA

Bocca di Rosa di Fabrizio de Andrè

La chiamavano bocca di rosa
metteva l’amore metteva l’amore
la chiamavano bocca di rosa
metteva l’amore sopra ogni cosa.
Appena scese alla stazione
del paesino di Sant’Ilario
tutti si accorsero con uno sguardo
che non si trattava di un missionario.
C’e’ chi l’amore lo fa per noia
chi se lo sceglie per professione
bocca di rosa ne’ l’uno ne’ l’altro
lei lo faceva per passione.
Ma la passione spesso conduce
a soddisfare le proprie voglie
senza indagare se il concupito
ha il cuore libero oppure ha moglie.
E fu così che da un giorno all’altro
bocca di rosa si tirò addosso
l’ira funesta delle cagnette
a cui aveva sottratto l’osso.
Ma le comari di un paesino
non brillano certo d’iniziativa
le contromisure fino al quel punto
si limitavano all’invettiva.
Si sa che la gente da’ buoni consigli
sentendosi come Gesù nel tempio
si sa che la gente da’ buoni consigli
se non può dare cattivo esempio.
Così una vecchia mai stata moglie
senza mai figli, senza più voglie
si prese la briga e di certo il gusto
di dare a tutte il consiglio giusto.
E rivolgendosi alle cornute
le apostrofò con parole acute:
“Il furto d’amore sarà punito -disse-
dall’ordine costituito”.
E quelle andarono dal commissario
e dissero senza parafrasare:
“Quella schifosa ha già troppi clienti
più di un consorzio alimentare”.
E arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi con i pennacchi
e arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi e con le armi.
Il cuore tenero non e’ una dote
di cui sian colmi i carabinieri
ma quella volta a prendere il treno
l’accompagnarono malvolentieri.
Alla stazione c’erano tutti dal
commissario al sagrestano
alla stazione c’erano tutti
con gli occhi rossi e il cappello in mano.
A salutare chi per un poco
senza pretese, senza pretese
a salutare chi per un poco
portò l’amore nel paese.
C’era un cartello giallo
con una scritta nera, diceva:
“Addio bocca di rosa
con te se ne parte la primavera”.
Ma una notizia un po’ originale
non ha bisogno di alcun giornale
come una freccia dall’arco scocca
vola veloce di bocca in bocca.
E alla stazione successiva
molta più gente di quando partiva
chi manda un bacio, chi getta un fiore,
chi si prenota per due ore.
Persino il parroco che non disprezza
fra un miserere e un’estrema unzione
il bene effimero della bellezza
la vuole accanto in processione.
E con la Vergine in prima fila
e bocca di rosa poco lontano
si porta a spasso per il paese
l’amore sacro e l’amor profano.

Vedi: 14 febbraio S. Valentino su EPISTOLARIO/Lettere d’amore

La Voce Del Silenzio

1968, Mogol – E.Isola – P.Limiti, Ed. Sugarmusic/Picchio Rosso

La Voce del silenzio (Massimo Ranieri con Jenny B.)

Volevo stare un po’ da solo

per pensare e tu lo sai …

Ed ho sentito nel silenzio

una voce dentro me …

E tornan vive troppe cose

che credevo morte ormai …

E chi ho tanto amato

dal mare del silenzio

ritorna come un’onda nei miei occhi.

E quello che mi manca

nel mare del silenzio

mi manca sai, molto di più.

Ci sono cose in un silenzio

che non m’aspettavo mai.

Vorrei una voce …

ed improvvisamente

ti accorgi che il silenzio

ha il volto delle cose che hai perduto.

Ed io ti sento amore,

ti sento nel mio cuore,

stai riprendendo il posto che …

tu non avevi perso mai …

che non avevi perso mai …,

che non avevi perso mai … !

Per ascoltare il brano cliccare di sinistro sul titolo in azzurro

Vedi “Il silenzio” su EPISTOLARIO/Poesie d’Amore

*** DISCLAIMER & COPYRIGHT *** La consultazione del contenuto del sito é consentita, limitatamente all'uso strettamente personale e con divieto di commercializzazione dei contenuti anche a scopo pubblicitario. E' consentuita, altresì, la diffusione di detto materiale, purché sia data notizia della fonte.