LA VITA SCORRE ANCORA

LA VITA SCORRE ANCORA

LA VITA SCORRE ANCORA

COMMENTO: dell’Autore
Questo Autore riprende una sua vecchia lirica, “SCORRE LA VITA” (copia in calce a questa pagina), scritta in piena “crisi” di disperazione a pochi mesi dalla perdita del “BENE” più importante della sua vita: ISABELLA.
Da allora sono trascorsi quattro anni, in un’altalena di sentimenti contrastanti, che lo hanno portato a sfiorare sempre più da vicino la “depressione”.
Solamente il continuo dialogo con Isabella, attraverso le liriche a Lei dedicate,  gli hanno permesso di iniziare un percorso che “ man mano” stanno allontanando da lui i “fantasmi” dei “4 Cavalieri”, portandolo a comprendere  che la “rassegnazione” è l’unica “via” che lo può salvare dall’angoscia che lo attanaglia, la “via” che Isabella continua ad indicargli dal suo “Mondo Ultraterreno”, da dove continua ancora a vegliare su di lui con il Suo “Amore senza tempo”.
il mio Angelo

il mio Angelo

A questo punto è maturata nell’Autore l’idea di dare un seguito a quella “vecchia lirica”: idea che si è concretizzata con l’attuale “LA VITA SCORRE ANCORA”, dove riconosce che un dolore “personale” rimane “sterile”, finché è fine a sé stesso, se non si “sublima” in un concetto più ampio, quello dell”Amore Universale”.
Così il “grido di dolore” disperato, che lancia a chiusura della “vecchia lirica”,

Questa è la vita eterna, sol questo è il paradiso …
la memoria che rimane di chi in vita ti ha sorriso.
si trasforma nel finale della “nuova lirica” in un “grido di speranza”
Nostro Nume Tutelare sia “Amore Universale”,
unica Forza al Mondo che può vincere il Male.

.

LA VITA SCORRE ANCORA

poesia esistenziale

Scorre, scorre la vita mia!
scorre in un gran deserto,
… solitudine e sofferenza
si riuniscono in concerto
Quello che mi circonda
non mi dà soddisfazione,
nel mondo vedo solo
dolore e frustrazione.
Il dolore che io provo,
il mio dolore personale,
forse è atto d’egoismo:
il dolore, quello che vale,
è quello del mondo intero …
è quello che fa più male.
Soffro nel veder soprusi,
la vita è un Carnevale:
siam tutti delle maschere,
primeggia la prepotenza
e i deboli sono travolti …
son ridotti all’impotenza.
L’innocente popolazione
è in mezzo alla tempesta,
ma gli dei della finanza
continuano a far Festa !
Scorrono le mie lacrime,
quasi me ne vergogno
e quando sono in pubblico
nascondo il mio bisogno;
bisogno di compiangere,
il bisogno di partecipare
al Dolore dei miei simili,
… non so che altro fare !
È l’ora della riscossa …
è l’ora della Ribellione,
sfidiamo i Poteri Forti …
… a Singolar Tenzone.
Nostro Nume Tutelare
sia Amore Universale,
unica Forza al Mondo
che può vincere il Male.

in Roma, venerdì 3 di ottobre del 2014 alle ore 02,45

.

SCORRE LA VITA
poesia esistenziale
Fra spirali di memoria la vita scorre lenta:
memoria di felicità passata, di sorrisi e di sguardi,
di carezze e di passione, d’intesa, di complicità … d’amore.
! Che dolce compagnia !
Compagnia dell’anima, compagnia dell’intelletto.
Di tutto ciò che fu, sol polvere rimane:
polvere di ricordi … solitudine … dolore.
! Scorre la vita !
Scorre qual sabbia fra le dita di un bambino
che felice giocava innocente sulla spiaggia:
ed il sol gliela asciugò col suo calore,
ed insieme così infranse sogni e fantasie.
Tutto svanì nel nulla … castello, dame e cavalieri.
Restò sol sabbia informe, che il vento disperse nel mare.
Così,  come il bambino, sono rimasto anch’io,
… attonito … abbattuto …
con tutti i sogni infranti, dissolti in un momento.
! E rimangono soltanto cose !
Mi guardo attorno, e vedo solo cose ,
memorie di un passato ormai sfiorito;
cose che appaiono in forma di ricordi,
che come sabbia si dileguano nel gran mare del tempo.
Son oggi memorie ancora vive, brillano di luce propria,
pur se tempo e senescenza presto le disperderanno.
Temo quei tristi giorni … quando la rimembranza
s’offuscherà sfumando e abbandonerà la mente,
e seguirà la sorte della sabbia emersa dal mare,
che  dapprima  servì a far nascere castelli,
poi invece violerà la sua natura
per tramutarsi in sabbia del deserto,
dove svaniscono sogni e fantasie,
dove primeggia e domina il Ghibli,
che tutto spazza, livella e rende uguale.
Prima che mia vita giunga a questa dimensione,
meglio è fuggir per l’aere, lasciare questa terra,
sì ch’io rimanga vivo soltanto nel ricordo
di chi mi ebbe caro quando abitai il mondo.
Questa è la vita eterna, sol questo è il paradiso …
la memoria che rimane di chi in vita ti ha sorriso.
Nicolò in Roma  alle ore 02,45 del 9 agosto 2010

One Response to “LA VITA SCORRE ANCORA”

  1. francesco italo maria claves ha detto:
    12 ottobre , 2014 at 07:33

    Caro Nicolo’ ,
    ho meditato molto sull’essenza della Tua lirica per diversi giorni e guarda caso e’ successiva a LA FEDE !!!
    Sto’ seguendo in questo periodo la terza edizione televisiva de IL CAPO (Narcotrafficante che si redime e tenta una disperata lotta senza frontiere contro il narcotraffico e le Mafie di mezzo mondo con un progetto chiamato OPAC ) . La prensa lo sta’ criticando molto con la scusa che mostra il “peggio” de la Colombia e del Messico …….. la realta’ e’ che sta’ infastidendo QUALCUNO !!!
    Infatti si narra che la CUPOLA delle CUPOLE sono i Banchieri Internazionali e non scendo in particolari sul Personaggio al Vertice della Organizzazione !!!
    Non ti dico poi come disegnano i POLITICI di mezzo mondo ………..
    La Produzione e’ Colombo-Statunitense !!! Gente informata nooo ???
    Tutto questo per dire semplicemente che sono doppiamente contento ; primo per il sopravvenire della “RASSEGNAZIONE” al distacco CRUDELE da Isabella , secondo, e non ultimo, la Tua voglia di combattere esta vasura es siempre mas dura !!!
    Con affetto e ammirazione francesco

Lascia una risposta

Protected by WP Anti Spam

*** DISCLAIMER & COPYRIGHT *** La consultazione del contenuto del sito é consentita, limitatamente all'uso strettamente personale e con divieto di commercializzazione dei contenuti anche a scopo pubblicitario. E' consentuita, altresì, la diffusione di detto materiale, purché sia data notizia della fonte.