IL SOGNO DI ANABEL

a  Isabella da Nicolò
I MAYA – Video
cliccare sui link per lanciare i Video
CICHEN ITZA:
http://www.youtube.com/watch?v=fe-mzWkkpxg&feature=player_detailpage
siti archeologici
http://www.youtube.com/watch?v=T3dNAIhzcGs&feature=player_embedded

Anabel, la “muchacha”, dal SALVADOR ha telefonato
per chiedermi mie notizie ed anche le sue mi ha dato.
Io l’ho ascoltata con piacere, m’ha parlato con “cariño”, (amore)
conserva la tua memoria, il suo cuore s’è fatto “escriño”. (scrigno)
Mi ha descritto un suo sogno di un qualche tempo fa …
temeva raccontarmelo … cosa temeva? … chissà!
E infine ha poi deciso portarmi a conoscenza
della visione avuta per la sua “maya” essenza.

“Per aver notizie vostre vi avevo telefonato …
Doña Isabel mi rispose, con tono innamorato,
dicendomi: <<Riposa, recupera quel sonno
che lui spesso perde a causa d’un affanno>>.
Udendo la sua voce m’è apparsa di presenza,
aveva il viso triste e sommessa la cadenza.
Di sobbalzo, allora, io mi sono risvegliata
convinta d’aver vissuto una vision fatata.
Era impossibile, Doña Isabel più non c’era,
eppure sembrava reale in quell’atmosfera.
Per giorni c’ho pensato … poi ho compreso,
era un suggerimento inviatomi dal Paradiso.”

Per tradizione i “Maya” parlano coi morti,
ma solo con coloro che non han fatto torti,
ricevono consigli dalle persone loro care
perché non subiscano in vita pene amare.
M’ha dato coraggio per non dover soffrire:

“Doña Isabel le sta vicino, di più non posso dire”

La famiglia di ANABEL

La famiglia di ANABEL

Didascalia
Didascalia

Certo altro ella sa! dimentica o nasconde?
Il messaggio è chiaro: ho guida nelle onde.
Alla fine da Anabel io mi sono congedato
con un gusto nella bocca fra dolce e salato,
e poi, rimuginando, quel sogno così strano
sono andato a riposare disteso sul divano:
ho acceso il caminetto e, al rimirar favilla,
ho visto quel bel volto … il volto di Isabella.
Ho perso conoscenza, non so quanto tempo,
quando son rinvenuto scendevo dall’Olimpo!
Ho vergato queste righe per salvarle dall’Oblio
perché esse testimoniassero il sentimento mio.
E poi, serenamente, io il talamo ho raggiunto,
ho fatto un lungo sonno … quasi come defunto.

TI AMO AMORE MIO
DOLOROSAMENTE TI AMO

in Roma, venerdì 22 giugno 2012 alle ore 09,30

*** DISCLAIMER & COPYRIGHT *** La consultazione del contenuto del sito é consentita, limitatamente all'uso strettamente personale e con divieto di commercializzazione dei contenuti anche a scopo pubblicitario. E' consentuita, altresì, la diffusione di detto materiale, purché sia data notizia della fonte.